La rivista Cinema 60 Nosferatu
 
La rivista oggi
Vedere il cinema
Vedere l'audiovisivo
I nostri collaboratori
Dove comprarci
Come trovarci
Come abbonarsi
Biblioteca del Cinema Umberto Barbaro
Mail Us
Home

anno LI

n.304/305

In questo numero:

 

Editoriale
Una malattia cronica (Mino Argentieri)

Prima fila

"Gli amori folli " (Roberto Chiesi)

"Marpiccolo", "Good morning, Aman", "Alza la testa" (Stefano Coccia)

"Agorà" (Elisabetta Mustillo)

Lineamenti

L'unità d'Italia non è un tema scontato (Pasquale Iaccio)

Un Viagra targato 3D (Claudio Bertieri)

Angolazioni

Il senso delle cose (Mino Argentieri)

Rohmer: l'incontro e la linea tortuosa dell'armonia (Paolo Lago e Paolo Landi)

Dossier Furio Scarpelli

L'Italia dei soliti ignoti - Interviste con Furio Scarpelli, Paolo Virzì, Francesca Archibugi, Mario Monicelli (Federico Govoni)

Il piacere della scrittura in due (Angelo Pizzuto)

Dentro di noi (Pasquale Iaccio)

Diario di uno spettatore

L'ultimo Kurosawa (Giancarlo Sepe)

Mostre, rassegne e festival

Cannes 2010, giorno per giorno (Umberto Rossi)

Taormina Film Fest (Nino Genovese)

Polonia allo specchio (Umberto Rossi)

Cinema e teatro

Ipazia e i bozzetti dell'"Oro di Napoli" (Angelo Pizzuto)

Occhio Critico

Miscellanea

Punti di vista a confronto (a cura di Tania Patrini)

Contro video (Monitor)

Indicatore librario (a cura di Angelo Salvatori)

 

 

 

 
 


LA NOSTRA STORIA

La storia della rivista Cinemasessanta, è lunga quaranta anni. L'avventura comincia nel 1959 quando un gruppo di giovani, che già scrivevano di cinema e si occupavano di cineclub, Mino Argentieri, Lorenzo Quaglietti, Spartaco Cilento, Giovanni Vento e Tommaso Chiaretti, incontrano un piccolo e coraggioso editore toscano Giorgio Landi e poco dopo presentano alla Mostra del Cinema di Venezia un dépliant con l'annuncio della prossima uscita della rivista. Che infatti esce a distanza di qualche mese, nel luglio del 1960, mentre l'Italia è in subbuglio, la polizia ammazza i dimostranti e le piazze sono in ebollizione. Cinemassessanta porta così nel titolo il suo anno di nascita, ma anche la memoria di un tempo contrassegnato da grandi slanci ideali e da fecondità creative.
Nel frattempo si era aggiunto al gruppo un altro piccolo editore, Beniamo Carucci, che restò fino al 1967, quando cedette la proprietà della rivista alla neonata Biblioteca Umberto Barbaro che con grande coraggio si addossò le responsabilità editoriali fino al 1970. A Carucci subentrarono gli Editori Riuniti che portarono tutti i vantaggi di una casa editrice medio-alta (diffusione, abbandonamenti, ecc.), ma che, al tempo stesso, fecero lievitare i costi industriali (correttori, segreteria, ecc.) che non facevano parte né del costume, né delle possibilità di Cinemassessanta da sempre abituata a un lavoro di tipo artigianale. La gestione della rivista era rimasta nelle mani del suo gruppo promotore e quando gli Editori Riuniti si appellarono al Partito Comunista per il ripianamento dei debiti -come era nella prassi di quella casa editrice- il Partito dette risposta negativa. Fu così necessario cercare altro editore e si passò ad altre esperienze: con Tullio Pironti a Napoli, l'Ediesse (editrice sindacale della Cgil) e la Rsb a Roma.
Finalmente, nel 1991, c'è stato l'incontro con l'editore Gianfranco Arciero, della Nuova Arnica Editrice.

Dal 2006, la fiaccola è passata in mano a Franco Arcidiaco, della casa editrice Città del Sole.


 

[home] - [biblioteca del cinema] - [cinema 60]